Brescia, rapina in villa. Accoltellato il proprietario

Si è infiltrato nella villa di un gioielliere per rapinarlo. Colto in flagrante dal proprietario, lo ha accoltellato perforandogli un polmone. L'uomo non è in pericolo di vita

Rapina in villa, accoltellato il proprietario
Rapina in villa, accoltellato il proprietario

La scorsa notte, un uomo ha fatto irruzione nella villa di un gioielliere, a Brescia. Colto in flagrante, ha accoltellato il proprietario dell’abitazione, perforandogli un polmone. La vittima, un gioielliere 70enne residente in via Cremona, è stata colpita alla testa e ha subito tre coltellate. Il gioielliere, ricoverato in ospedale, non è in pericolo di vita.

Rapina in villa a Brescia, accoltellato il proprietario

Continua l’incubo delle rapine in villa nel bresciano. Dopo il caso-shock di Devid Quilleri, legato e picchiato da quattro rapinatori nella sua villa, questa volta la vittima è un gioielliere di 70 anni. Secondo le prime indiscrezioni, la vittima della rapina in villa stava dormendo quando un rapinatore è entrato in casa. Dopo essersi svegliato, il gioielliere sarebbe andato a controllare. Invece di fuggire, il malvivente ha colpito con diverse coltellate il gioielliere perforandogli un polmone. Poi, si è dato alla fuga.

La moglie si trovava in un’altra stanza della casa e, allertata da grida e rumori, avrebbe chiamato i soccorsi e le forze dell’ordine. La vittima è stata trasportata in ospedale e non sarebbe in pericolo di vita. Il rapinatore avrebbe utilizzato un coltello trovato nell’abitazione del gioielliere, visto che i carabinieri hanno ritrovato l’arma in casa. Questa mattina, la Scientifica ha effettuato una serie di esami per cercare indizi utili per scoprire l’aggressore. L’identità e la posizione del rapinatore restano sconosciute al momento.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.