Livorno, incendio su mercantile: traffico portuale sospeso

È stato sospeso il traffico nel porto di Livorno quando, nella notte, è scoppiato un incendio a bordo di un mercantile. Non sembrano esserci feriti.

Incendio su mercantile vicino al porto di Livorno
Incendio su mercantile vicino al porto di Livorno

Il traffico portuale è stato sospeso per alcune ore a Livorno, a seguito dell’incendio scoppiato su un mercantile. Secondo le prime prime informazioni, l’incendio si sarebbe verificato nella sala macchine di un mercantile, l’Eurocargo Trieste, a circa tre miglia dal capoluogo toscano. Le autorità portuali hanno, dunque, deciso di sospendere il traffico marittimo per alcune ore. Pare che fossero 25 i membri dell’equipaggio a bordo della nave. Risultano illesi stando alle prime indiscrezioni.

Incendio su mercantile: nessun ferito

I 25 membri dell’equipaggio non risulterebbero feriti o intossicati. Al momento, si trovano ancora a bordo della nave cargo, insieme ai vigili del fuoco. Ora l’Eurocargo Trieste si trova in rada poco fuori dalla diga portuale della Vegliaia. Una motovedetta della Capitaneria di porto si trova nei pressi del mercantile per monitorare o sviluppo della situazione. Alcuni rimorchiatori e mezzi dei vigili del fuoco stanno proseguendo il lavoro con gli idranti per raffreddare dall’esterno le lamiere della sala macchine, dove si è sviluppato l’incendio.

Il traffico marittimo dello scalo livornese è stato così inizialmente sospeso venendo poi riaperto in entrata, dalle 7 di questa mattina, dopo che il cargo è stato spostato in un punto meno critico. Resta ancora da chiarire la causa dell’incendio sul mercantile. Ora le autorità dovranno verificare se si tratti di errore umano o semplice guasto. Bisognerà attendere che le fiamme vengano spente e che l’equipaggio torni sulla terra ferma.
   

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.