Inchiesta sullo stadio della Roma, rilasciato Marcello De Vito.

È tornato libero Marcello De Vito, l'ex presidente del'Assemblea Capitolina, arrestato a marzo con l'accusa di corruzione in uno dei filoni dell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma

Marcello De Vito torna libero
Marcello De Vito torna libero

È stato rilasciato Marcello De Vito. L’ex presidente dell’Assemblea Capitolina era stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Investigativo con l’accusa di corruzione a marzo scorso. Si trattava dell’iniziativa giudiziaria collegata a uno dei filoni dell’inchiesta sul nuovo stadio della Roma.

Inchiesta stadio: rilasciato Marcello De Vito

Lo scorso marzo, De Vito era stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta sullo stadio della Roma. L’accusa consisteva nell’aver accettato mazzette da Luca Parnasi. Inoltre, il Gip di Roma Maria Paola Tomaselli aveva sottolineato il ruolo di De Vito nel traffico di influenze sul progetto di riqualificazione degli ex Mercati generali di Roma Ostiense e nella costruzione di un albergo presso l’ex stazione ferroviaria di Roma Trastevere. Il Gip aveva parlato, infatti, di “sistematico mercimonio della funzione pubblica da parte di Marcello De Vito”.

Nello scorso agosto, però, la Cassazione aveva guiudicato insufficienti i “dati indiziari” motivati dal Gip. La Cassazone aveva, dunque, sollevato dubbi sul fatto che De Vito facesse parte del “gruppo criminale” guidato dall’imprenditore Luca Parnasi. Ora, dunque, Marcello De Vito torna libero. Lo ha deciso il Tribunale di Roma a seguito di un’istanza presentata dall’avvocato difensore di De Vito, Angelo Di Lorenzo. Il tribunale di Roma ha accolto la richiesta presentata dal legale difensore nei confronti degli arresti domiciliari. Per l’ex presidente dell’Assemblea Capitolina, il processo avverrà con rito immediato per il prossimo dicembre.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.