Bambino paralizzato da trigone, può recuperare

Stanno migliorando le condizioni generali del dodicenne genovese al momento paralizzato dopo la puntura di un trigone in Costa Rica.

Neonato morto in ospedale: due medici indagati
Neonato morto in ospedale: due medici indagati

Stanno migliorando le condizioni generali del dodicenne genovese al momento paralizzato dopo la puntura di un trigone in Costa Rica.

Le parole sul bambino paralizzato da trigone

Il giovanissimo paziente è già stato trasferito in un reparto meno intensivo, quello di Pediatria. Le funzioni vitali sono autonome e al momento ha recuperato l’uso quasi completo delle braccia, con la sensibilità parziale delle gambe. La sua lesione è unica, per come si è verificata, ma nella sfortuna possiamo dire che si tratta di una lesione parziale: dunque le possibilità di recupero ci sono, anche se è impossibile dire fino a dove arriverà“. Lo ha spiegato all’AdnKronos Salute Carlo Coniglio, responsabile della Rianimazione dell’Ospedale Maggiore di Bologna, reparto dove fino a poche ore fa era ricoverato.

L’incidente

Il ragazzino e il fratello stavano giocando in mare quando un trigone lo ha colpito al collo con la coda.Oggi il bambino è consapevole e tonico. Lo spirito c’è, e questo vuol dire tanto. Il danno è stato meccanico, come da un corpo penetrante. Pensate a una lama di un punteruolo che lo ha colpito all’altezza della sesta vertebra cervicale, l’ha trapassata ed è entrato nel midollo“.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.