Traffico di beni archeologici: 123 indagati

L'inchiesta sul traffico di beni archeologici a livello internazionale ha portato al recupero di diversi reperti, e sono risultate indagate 123 persone

Un traffico di beni archeologici internazionale ha portato in manette 23 persone, ma sono 123 gli indagati in totale. Si tratta del risultato di una maxi operazione dei Carbinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, che ha effettuato anche 80 perquisizioni tra Italia, Regno Unito, Germania, Francia e Serbia.

Il traffico di beni archeologici

L’operazione, denominata “Achei”, ha portato alla luce i traffici di una holding criminale. Da tempo l’organizzazione gestiva un enorme traffico di beni. I reperti venivano acquisiti tramite scavi caldestini effettuati in Calabria. I trafficanti li destinavano poi al mercato estero. Le indagini sono scattate nel 2017, e hanno portato al recupero di numerosi reperti archeologici messi sul mercato, per un valore compelssivo di svariati milioni di euro.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.