Venezia allagata: in arrivo nuovo picco di acqua alta, i turisti non si fermano

Una nuova ondata di maltempo sta per travolgere Venezia, già completamente allagata. Il nuovo picco di acqua alta potrebbe raggiungere i 160 centimetri sopra il livello del mare

Acqua alta a Venezia, i turisti non si fermano
Acqua alta a Venezia, i turisti non si fermano

Una nuova ondata di maltempo sta per travolgere Venezia, già completamente allagata. Il nuovo picco di acqua alta potrebbe raggiungere i 160 centimetri sopra il livello del mare. Come riporta TgCom24, Piazza San Marco è stata chiusa ai pedoni e si teme anche per la sorte della omonima basilica. Ma il maltempo non investirà solo la città lagunare, anche la Toscana e l’Emilia Romagna dovranno fare i conti con il brutto tempo. L’Arno è salito sopra i livelli di guardia, mentre nel Bolognese è esondato il torrente Idice. Sono ora in corso le operazioni di evacuazione.

Venezia allagata: in arrivo nuovo picco di acqua alta, si teme catastrofe

L’occhio è però puntato in questo momento soprattutto sull’acqua alta a Venezia. La città, dice il sindaco Brugnaro, si appresta, questa domenica, “a una giornata dura”. Poi, però, cerca di incoraggiare i suoi concittadini: “I venti sono in diminuzione, e il picco previsto dal Centro Maree di 160 centimetri è alto ma quello che ha distrutto la città martedì era 187 centimetri”. E non ha tutti i torti, nonostante Venezia rimanga completamente allagata, il livello del Mar Adriatico davanti alla laguna appare in calo. Il vento di scirocco ha iniziato a spirare con violenza sulla laguna e su Venezia.

La massima di acqua alta a Venezia è di 160centimetri per le 12.30 di oggi, domenica 17 novembre. Lo ha reso noto il Centro maree del Comune. La situazione dovrebbe migliorare leggermente solo nella giornata di domani, lunedì 18 novembre, quando si passerà a una massima di 105 centimetri nella notte. Poi la marea dovrebbe calare.

Il maltempo non ferma i turisti

Molti turisti, soprattutto asiatici, non si sono fatti abbattere dall’acqua alta che ha trasformato Venezia in una piscina allagata. Piccoli gruppi di cinesi e giapponesi, in fila dietro le loro guide sono tornati in piazza. Le passerelle montate dalla protezione civile sono appesantite infatti da lunghe file di turisti che stanno provocando non pochi disagi per i cittadini.

«Ci voleva una tregua. E ci vorrebbe un po’ di rispetto per quel che è successo», avrebbe detto all’Ansa Nicolò Sito, dal negozio che in piazzetta San Marco vende bigiotteria di Murano. «Ma sopratutto ci vorrebbe gente migliore. Nessuno più rispetta Venezia, non c’è più educazione, la gente si comporta peggio che a casa loro».

Acqua alta e Venezia allagata, il sindaco nominato commissario straordinario

Il Sindaco Luigi Brugnaro è stato nominato commissario straordinario per poter gestire meglio l’mergenza. “Massima attenzione per la marea di questa mattina. Il dispositivo di sicurezza è attivato. Grazie alle tante persone che sono operative per vigilare su Venezia e intervenire in caso di necessità”, ha twittato.

Già nel pomeriggio, comunque, lo scirocco dovrebbe calare e la marea tornare sui 45 centimetri entro le 20.30. Non succedeva dal 1872 che l’acqua superasse i 150 cm nello stesso anno. E si spera che il record di 190 rimanga imbattuto a lungo.


Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.