Traffico di droga legato a Messina Denaro: 3 arresti

E' stato scoperto un traffico di droga legato a Messina Denaro, che portava grandi quantità di stupefacenti dal Marocco all'Italia

Traffico di droga legato a Matteo Messina Denaro
Traffico di droga legato a Matteo Messina Denaro

I carabinieri hanno arrestato tre persone nell’ambito delle indagini per un traffico di droga legato a Matteo Messina Denaro. I tre operavano nel traffico di droga in campo internazionale sotto l’egida del boss latitante Messina Denaro. Ma sono ancora in corso su tutto il territorio nazionale decine di perquisizioni.

Dei tre arrestati, l’avvocato Antonio Messina, 73 anni, è agli arresti domiciliari, mentre Giacomo Tamburello e Nicolò Mistretta sono finiti in carcere. Tutti e tre sono accusati di aver importato grandi quantità di droga tra Marocco, Spagna e Italia.

Il ruolo di Messina Denaro

In particolare però, l’avvocato Messina “si è anche adoperato per dirimere i contrasti insorti per ragioni economiche tra gli associati, sviluppando nell’hinterland milanese degli incontri con Nicolò Mistretta e altri importanti esponenti della criminalità organizzata siciliana da anni operativi in Lombardia”. Per questo, avrebbe assunto nell’operazione un particolare rilievo. L’implicazione nel traffico del latitante Matteo Messina Denaro è stata captata dagli investigatori proprio durante un incontro riservato tra Messina e un pluripregiuducato palermitano. Durante l’incontro, i due avrebbero parlato delle difficoltà incontrate dal sodalizio per via degli interventi repressivi da parte delle forze dell’ordine. Durante questa conversazione i due avrebbero fatto cenno proprio a Messina Denaro.

Il traffico di droga

Il traffico di droga partiva dal Marocco e dalla Spagna, e arrivava in Italia per un valore di oltre un milione e mezzo di euro.Gli investigatori hanno intercettato uina partita di droga proveniente dalla penisola iberica e destinata alla piazza milanese, che era costituita da 240 kg di hashish. L’uomo incaricato di custodire il carico è stato arrestato in flagranza di reato.

In tutto, la merce avrebbe fruttato circa 350.000 euro. Questo carico ha poi permesso di ricostruire la rete dello spaccio lombardo composto dai soggetti ai quali gli associati facevano “assaggiare” lo stupefacente al fine di cederlo il più rapidamente possibile.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.