Libreria “La Pecora Elettrica” incendiata a Roma: fiamme il giorno prima della riapertura

La libreria "La Pecora Elettrica", sita nel quartiere Centocelle a Roma, è stata nuovamente incendiata: secondo episodio dopo quello di aprile.

Libreria La Pecora Elettrica in fiamme
Libreria La Pecora Elettrica in fiamme (foto Twitter)

Brucia nuovamente la libreriaLa Pecora Elettrica” nel quartiere di Centocelle (Roma). Le fiamme sono state appiccate alle prime ore di mercoledì 6 novembre danneggiando in maniera importante gli interni del locale. La libreria antifascista avrebbero ripreso la propria attività in seguito a un incendio avvenuto lo scorso 25 aprile. Le indagini di qualche mese fa vedevano al centro anche le fiamme della pizzeria sita nelle vicinanze.

Libreria “La Pecora Elettrica”, due incendi da aprile 2019

La libreria è situata nel quartiere Centocelle in una zona nella quale sono differenti i progetti per la riqualificazione dei parchi e delle attività culturali indirizzate verso un maggioro approccio conoscitivo. All’interno della libreria sono stati presentati diversi testi con tematiche dedicate come Resistenza e antifascismo. Uno spazio libero che è stato nuovamente colpito il giorno prima della riapertura: mandati in fumo tutti i testi presenti e l’intera struttura. Probabile che si attivi nuovamente una campagna di crowfunding, così come fatto con il precedente incendio.

Il commento di Marta Bonafoni

Un altro attacco, dopo la bomba del 25 aprile, che è stato aspramente criticato dalla consigliera regionale Marta Bonafoni. «È chiaro che la zona è sotto le attenzioni della criminalità, come dimostra anche l’incendio doloso del locale di fronte, meno di venti giorni fa. Ora serve una reazione delle istituzioni, assieme ai cittadini, per dare un segnale forte: la città non si arrende».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.