Prete indagato per abusi su una bimba: “Viene qui, baciami”

Prete abusa di una bimba
Prete abusa di una bimba

Don Michele Mottola, prete di 60 anni, è indagato per abusi sessuali su una bimba di appena 10 anni. A incastrarlo gli audio choc: “Vieni qui, abbracciami. Baciami”. Il caso è venuto fuori dopo un’inchiesta de Le Iene. Il parroco avrebbe abusato di una bambina che ha confessato poi le molestie subite dal Don del paese. L’uomo ha minimizzato chiamando “semplici bacini e abbracci” le molestie. Però il prete agiva di nascosto e al buio della sagrestia.

Prete indagato per abusi su una bimba

Le molestie, come riporta Il Giornale, si sarebbero susseguite con intensità crescente nel tempo tanto da turbare la piccola nel profondo. “Don Michele mi bacia sulle labbra”, ha confessato a un certo punto la piccola ai genitori. Questi però in un primo momento non le hanno creduto. La bambina, dunque, si è vista costretta a registrare gli “incontri riservati” con il prete.

“Se tua madre fosse un pochino più consenziente, ti terrei qui con me tutto il giorno. Lo sai che ti voglio bene, vero? Lo vuoi un bacino?” ha detto Don Mottola. Nell’audio, si sente la bambina fare resistenza: “Basta, basta, basta”. Il prete però non ha pietà: “Abbracciami, baciami… Dobbiamo fare le cose per bene“.

Dopo qualche mese la piccola ha deciso di affrontare l’uomo faccia a faccia: “Gradirei non continuare con quelle cose che facciamo“. A questo punto il prete confessa, e si dimostra preoccupato per quello che ha fatto: “Mi consideri un malato mentale se mi tratti così. Ti chiedo scusa se ti ho scandalizzato non vorrei tu pensassi che io faccia violenza ai bambini. Abbiamo fatto delle cose, sì ma è stata una storiella. Ora si ferma là. L’importante è che tu non l’abbia detto a nessuno. Vero che non lo hai detto a nessuno?”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.