Migranti, Alan Kurdi bloccata in mare aperto: «Qualcuno intervenga»

Sono 88 le persone a bordo della Alan Kurdi in attesa di un porto sicuro dove attraccare: la situazione si fa sempre più critica.

La vicenda della Alan Kurdi
La vicenda della Alan Kurdi (foto Sea Eye)

La nave Alan Kurdi, imbarcazione di Sea Eye, si trova per il settimo giorno consecutivo senza un porto sicuro. Attualmente è situata a poche miglia dalle coste della Sicilia. A bordo vi sono 88 migranti soccorsi presso le coste della Libia.

Alan Kurdi in attesa di porto sicuro

Durante le prime ore del mattino di venerdì 1 novembre 2019, una 20enne è stata evacuata dalla Alan Kurdi per ragioni sanitarie. Il provvedimento è stato attuato dalla Guardia Costiera italiana. Durante gli scorsi giorni la medesima situazione si è verificata con una donna incinta. La Sea Eye, intanto, chiede a gran voce: «Quando terminerà questo blocco».

L’ultimo precedente della Ocean Viking

Sono serviti ben undici giorni per risolvere la questione di un’altra Ong. La Ocean Viking è rimasta diverso tempo in mare in attesa di un porto sicuro dove attraccare. A bordo vi erano 104 persone e diversi bambini. Alla fine la scelta è ricaduta sul porto di Pozzallo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.