Omicidio Luca Sacchi: restano in carcere i due giovani fermati

Restano in carcere Valrio Del Grosso e Paolo Pirino, accusati dell'omicidio di Luca Sacchi a Roma, avvenuto la sera dello scorso mercoledì

Omicidio Luca Sacchi, foto AdnKronos
Omicidio Luca Sacchi, foto AdnKronos

Restano in carcere i due giovani fermati per l’omicidio di Luca Sacchi, il 25enne morto a Roma alcuni giorni fa mentre si trovava con la fidanzata nel quartiere dei Colli Albani a Roma. Valerio Del Grosso e Paolo Pirino restano quindi in carcere, con le accuse di concorso in omicidio, rapina, detenzione e porto abusivo di armi. Il provvedimento firmato dal gip arriva dopo l’interrogatorio in carcere, nel corso del quale i due si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Le dichiarazioni dei due fermati per l’omicidio di Luca Sacchi

L’avvocato di Valerio Del Grosso, alla fine dell’interrogatorio, ha detto che il suo assistito ha chiesto scusa, per ciò che è successo. “Non voleva uccidere nessuno”, ha detto. “E’ molto provato e dispiaciuto per quello che è successo”, ha aggiunto. Anche Paolo Pirino non ha risposto al magistrato, ma ha reso una dichiarazione spontanea, in cui anche lui assicura che non avrebbe voluto uccidere nessuno. Sarebbe andato “solo” a fare una rapina, senza sapere che Del Grosso aveva con sé una pistola.  

Anastasia, la fidanzata di Luca Sacchi, sarà ascoltata nei prossimi giorni dagli inquirenti, per chiarire alcuni punti della versione che ha dato dei fatti.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.