Maestra scopre maltrattamenti su una bimba, denuncia ma viene sospesa

Una maestra di una scuola elementare di Pavia ha scoperto che una sua alunna subiva maltrattamenti da parte dei genitori e ha denunciato

Una maestra di una scuola elementare di Pavia ha scoperto che una sua alunna subiva maltrattamenti da parte dei genitori. Il sospetto le era scattato quando ha visto la bimba arrivare sempre più spesso a scuola con segni e lividi sul corpo. Inoltre la piccola aveva avuto, durante le lezioni, molte crisi di pianto immotivate. La maestra, a questo punto, ha deciso di rivolgersi alla preside dell’istituto. Per mesi non ha ricevuto risposta, e quindi l’insegnante ha deciso di rivolgersi alle Forze dell’Ordine.

Non lo avesse mai fatto. Dopo la sua denuncia, la maestra ha subito un provvedimento di sospensione di un giorno (non retribuito) da parte della preside. Quest’ultima l’ha accusato di aver violato il segreto d’ufficio e arrecato danno all’immagine della scuola.

Maestra denuncia maltrattamenti su alunna ma viene sospesa

L’insegnate, dopo il provvedimento da lei ritenuto ingiusto, si è rivolta al tribunale di Pavia. “Assurdo – ha spiegato la donna a La Provincia Pavese – per me la bambina era in pericolo. Dobbiamo sempre aspettare le tragedie? Ho agito secondo coscienza“.

Il giudice si è espresso in favore della maestra, invitando la scuola a revocare la sospensione e corrispondere 75 euro per mancato pagamento di una giornata di lavoro. Intanto svolta anche nella famiglia della bambina. In attesa che venga fatta luce sulla vicenda, è stata affidata alla nonna.

Duro anche il commento dei Sindacati, schierati con la maestra. “Con questi provvedimenti – spiega Luigi Fiore della Uil – si alimenta l’omertà, inducendo i colleghi dell’insegnante sospesa a non seguire questo esempio e a tacere nel caso in cui vengano a conoscenza di episodi gravi”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.