Luca Sacchi ucciso a Roma, i fermati non rispondono al gip

Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due 20enni sospettati di avere ucciso Luca Sacchi a Roma, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Ragazzo ucciso a Roma, (foto AdnKronos)
Ragazzo ucciso a Roma, (foto AdnKronos)

Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due 20enni sospettati di avere ucciso Luca Sacchi a Roma, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Il giovane è stato ucciso, a soli 24 anni, la notte tra mercoledì 23 e giovedì 24 ottobre. Si trovava in compagnia della fidanzata Anastasia davanti a un locale nel quartiere Colli Albani a Roma.

Come riporta l’Ankronos, i due ventunenni di San Basilio, accusati di omicidio, rapina, detenzione e porto abusivo di armi, nel corso dell’interrogatorio di convalida del fermo nel carcere di Regina Coeli, non hanno risposto alle domande del gip

Intanto sono arrivate le prime dichiarazioni dell’avvocato Alessandro Marcucci, difensore di Del Grosso. Ha chiesto scusa per quello che è successo. Non voleva uccidere nessuno. Si è avvalso della facoltà di non rispondere. Rimandiamo a un’altra occasione il confronto con i magistrati. E’ molto provato e dispiaciuto per quello che è successo”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.