Ragazzo ucciso a Roma per difendere la fidanzata: spunta la pista della droga

Sono stati fermati due uomini sospettati di essere i killer del ragazzo ucciso a Roma per difendere la fidanzata da uno scippo, la sera del 23 ottobre

Ragazzo ucciso a Roma, (foto AdnKronos)
Ragazzo ucciso a Roma, (foto AdnKronos)

Sono stati fermati due uomini sospettati di aver sparato un colpo di pistola alla testa al ragazzo ucciso a Roma per difendere la fidanzata dall’aggressione. Lui, Luca Sacchi, aveva 24 anni, e la sera del 23 ottobre stava apsseggiando insieme alla fidanzata vicino al Parco della Caffarella, quando i due malviventi hanno tentato lo scippo, e alla sua reazione gli hanno sparato un colpo alla tempia. Ora i carabinieri indagano per omicidio volontario.

Il fermo dei sospettati dell’omicidio di Luca Sacchi

I due sospettati, operai di 20 e 21 anni, sono in Questura per essere ascoltati dal pm che si occupa delle indagini. I due sarebbero stati bloccati intorno alle 2.45 da un’operazione di polizia e carabinieri. I due si sarebbero avvalsi della facoltà di non rispondere. Uno dei due avrebbe precedenti per droga, l’altro invece nessun precedente grave. I due sarebbero stati rintracciati grazie all’auto che hanno usato per fuggire, che sarebbe stata vista poi a Roma Sud. All’origine dell’omicidio potrebbe esserci una questione di droga.

Secondo un’ipotesi investigativa, che al momento resta un’ipotesi, la dinamica potrebbe essere stata diversa da quanto immaginato all’inizio la vittima e la fidanzata potrebbero aver incontrato i due sospettati per trattare l’acquisto di droga. I due sospettati potrebbero essersi allontanato dopo aver visto i soldi che la coppia era disposta a dar loro, ma sarebbero tornati armati con l’intenzione di rapinare i due giovani.

Le indagini sulla morte del ragazzo ucciso a Roma

Gli investigatori hanno richiesto i filmati delle telecamere di sorveglianza di due esercizi commerciali nei pressi del luogo del delitto. Attraverso l’esame dei filmato si potrebbe arrivare a scoprire qualche elemento utile per le indagini.

Subito dopo lo scippo il giovane è stato portato all’Ospedale San Giovanni Addolorata, dove è stato sottoposto ad un’intervento chirurgico delicato, che però non è riuscito a salvarlo. Le sue condizioni, quando è giunto in ospedale erano già gravissime. I genitori di Luca Sacchi hanno dato il consenso alla donazione degli organi, se verrà confermata la sua idoneità al prelievo per il trapianto terapeutico.

Il racconto della fidanzata

La fidanzata di Luca Sacchi, Anastasia, ha raccontato che erano appena usciti dal pub quando si è sentita strattonare da dietro, e le è stato intimato di consegnare la borsa. “Gliela stavo consegnando quando mi hanno colpito con una mazza” ha detto agli inquirenti. Luca, “a questo punto è intervenuto e ha reagito, bloccando il ragazzo che mi aveva aggredito; quindi è intervenuto l’altro aggressore che gli ha sparato alla testa”. La giovane ha detto che i due aggressori sono fuggiti a bordo di una Smart. Altre persone presenti però hanno riferito che i due sarebbero fuggiti a piedi. A dare l’allarme per primo è stato un tassista che si trovava a passare in via Bartoloni.

Anastasia è sotto choc. L’ho incontrata un attimo. Gli hanno sparato davanti ai suoi occhi”, ha raccontato un amico di famiglia della vittima. “Lei è sconvolta, è una tragedia. Quando ha visto che la ragazza era stata colpita alla testa ed era finita a terra, ha reagito. Certo non pensava che tirassero fuori la pistola”.

Le parole del titolare del pub

Il titolare del pub ha raccontato: “Ieri nel pub c’erano una quarantina di persone che guardavano la partita, ma non mi risulta che il ragazzo sia entrato, aveva il cane, e me lo sarei ricordato. Qualcuno mi ha detto che sarebbe entrata, invece, la fidanzata, a prendere una bottiglietta d’acqua”. “Abbiamo sentito un solo sparo e poi la ragazza che urlava, siamo usciti e mi pare di aver visto una macchina che andava via ma poteva anche essere di passaggio. Abbiamo cercato di aiutare il più possibile chiamando i soccorsi”, conclude.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.