Pornografia, razzismo, Hitler: 25 indagati per la “chat degli orrori”

Nella chat, scoperta dalla madre di uno dei partecipanti, venivano scambiati contenuti a sfondo razzista, con inni a Hitler e materiale pedopornografico incentrato sul sesso tra bambini di 10 anni. Tra i 25 indagati, 19 sono minorenni.

Venticinque ragazzi, di cui diciannove minorenni, sono attualmente indagati dalla Procura di Siena per diversi reati, tra i quali l’apologia di fascismo e lo scambio di materiale pedopornografico. 

Islamismo radicale, razzismo, pedopornografia

Le indagini sono partite a giugno grazie alla denuncia di una madre, che sul cellulare del figlio aveva scoperto una vera e propria “chat degli orrori” intitolata “The Shoah Party”, in cui i partecipanti si scambiavano contenuti multimediali su Adolf Hitler, sul razzismo e sull’islamismo radicale, oltre a diverso materiale pedopornografico incentrato sul sesso tra bambini di 10 anni. 

I decreti di perquisizione, al momento, sarebbero ben venticinque, e hanno già portato al sequestro di cellulari e computer contenenti i materiali scambiati nella chat. In sei mesi di attività, alla chat avevano aderito ben 300 ragazzi. I due amministratori del gruppo, due 19enni, sono residenti a Rivoli, nel torinese. 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.