Suv investe quattro bambini davanti a un asilo a Chieri, bimba di due anni e mezzo grave

Il grave incidente ha colpito quattro bambini, una di due anni e mezzo particolarmente grave

Foto della Stampa

Sono ancora gravi le condizioni della piccola Emma, bambina di due anni e mezzo che nella mattinata di ieri è stata investita da un Suv nei pressi del giardino dell’asilo di Chieri “La casa nel bosco”. Il Suv era parcheggiato in salita e, senza conducente, ha iniziato a indietreggiare fino a colpire quattro bambini. La più grave è appunto Emma, che è stata sottoposta a un intervento neurochirurgo di sei ore e mezza, riportando trauma cranico e addominale. Attualmente è in prognosi riservata.

Suv investe quattro bambini

L’uomo che ha posteggiato l’auto è stato denunciato per lesioni personali stradali gravissime, mentre i carabinieri proseguono le indagini sull’accaduto; il responsabile – il fratello di una delle titolari dell’asilo – pare non abbia messo in sicurezza il suv, nonostante abbia rassicurato gli investigatori circa il freno a mano, doverosamente tirato prima di scendere.

A caldo poche dichiarazioni, ma significative, riprese questa mattina dalla Stampa: “«È stato un terribile incidente. Quando mi sono voltata ho visto i bimbi sotto l’auto, una scena terribile – dice la responsabile dell’asilo, Chiara Menzio – Mio fratello era venuto come tutti i giorni a portare il cibo per la fattoria e aiutarci nelle attività. Aveva lasciato l’auto da pochi minuti». Continua: «I genitori ci hanno dimostrato solidarietà, tutti si sono resi conto che è stata una fatalità». Un padre all’uscita dell’ospedale ha comunque sottolineato che probabilmente ci si rivolgerà comunque a un avvocato, perché quanto accaduto non è accettabile. «Prima, però, il nostro pensiero va a quella povera bambina. La più sfortunata».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.