Reddito di cittadinanza speso nei sexy shop: la scoperta di Striscia

Un utilizzo alquanto particolare è stato scoperto da "Striscia la notizia" in rifetimento al Reddito di cittadinanza: al centro di tutto un sexy shop.

Reddito di cittadinanza speso nei sexy shop
Reddito di cittadinanza speso nei sexy shop

Il Reddito di cittadinanza utilizzato per le spese nei sexy shop e non per quanto effettivamente necessario nella vita di ogni giorno. A scoprirlo è stata la trasmissione “Striscia la Notizia” mediante un servizio di acquisti non conforme rispetto alle norme vigenti sul provvedimento.

Il servizio sul Reddito di cittadinanza e l’utilizzo dei fondi

L’episodio è avvenuto in provincia di Caserta. Alla domanda «posso comprare quello che voglio?» giunge la risposta positiva. L’inviato della trasmissione incalza e il titolare non si perde d’animo salvo poi ricredersi all’ultimo: «Il cliente entra e paga col bancomat, io cosa ne so se è reddito di cittadinanza. Per me il 60% dei redditi sono tutti falsi. Per me, chi viene viene».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.