Racconto choc di una bimba di Foggia: “Papà mi ha cecato col cucchiaio”

Racconto da brividi quello di una bimba di appena 4 anni di Foggia: "Mi ha cecato papà con il cucchiaio. Ho fatto cadere il bicchiere".

Bimba picchiata a Foggia
Bimba picchiata a Foggia

Racconto da brividi quello di una bimba di appena 4 anni di Foggia: Mi ha cecato papà con il cucchiaio. Ho fatto cadere il bicchiere, l’ho rotto, papà è venuto e mi ha dato le botte”. Poi la piccola accusa anche la compagna dell’uomo: “Mi ha sbattuto vicino al lavandino. Stava lavando a terra e con la scopa mi ha dato in testa”. La bambina veniva maltrattata dal padre e dalla sua compagna. Ai due, entrambi foggiani, è stato disposto il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla piccola.

Racconto choc di una bimba di Foggia

La bambina è stata ascoltata in modalità protetta dalla neuropsichiatra infantile. A lei ha ripetuto quanto già detto ai sanitari e al medico legale che l’hanno soccorsa lo scorso 3 settembre. La vicenda è venuta a galla solo grazie alla denuncia della nonna della bimba. Quest’ultima ha raccontato agli inquirenti quello che sua nipote stava passando. “In più occasioni (il padre ) mi riferiva che picchiava la bambina perché lo considerava il suo modo di impartire l’educazione ai propri figli”.

Solo perché si era messa a piangere, la bambina era stata picchiata così forte da aver riportato contusioni ed ecchimosi all’inguine, sulle cosce, sulla regione sacrale ed ematomi al volto. Alla nonna, il padre aveva spiegato questi segni dicendo che sua figlia continuava a “sfregarsi”.

Ora l’uomo e la sua compagna dovranno rispondere di maltrattamenti e lesioni aggravate. La madre biologica della bambina era morta al nono mese di gravidanza, e la piccola era venuta al mondo solo grazie all’intervento disperato dei medici.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.