Operazione antidroga a Palermo: sequestrati 700 kg di hashish

Una grossa operazione antidroga è in corso a Palermo, che era una piazza di smistamento per hashish e cocaina dall'Argentina e dal Marocco

Una grossa operazione antidroga a Palermo effettuata all’alba e ancora in corso sta infliggendo un duro colpo al traffico di cocaina dall’Argentina e di hashish dal Marocco.

L’operazione antidroga a Palermo

L’operazione, condotta dalla polizia di Palermo, è stata chiamata “Green Finger”. Nell’ambito di questa operazione, sono state eseguite decine di misure cautelari nei confronti di persone responsabili a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti anche in ambito internazionale. In questo giro di droga, Palermo era uno snodo fondamentale nel passaggio dall’ingrosso al dettaglio della droga.

Il carico di cocaina

L’indagine, partita nel 2015, ha permesso di smantellare due organizzazioni criminali che si occupavano di procurare grossi carichi di hashish e cocaina. Quest’ultima veniva dall’Argentina e gli investigatori sono riusciti a portare alla luce i dettagli del traffico. Dalle rotte ai rapporti tra i membri dell’associazione, che con tappe intermedie europee riuscivano poi a portare a Palermo grandi quantità di droga.

Lo smistamento dell’hashish

Per quanto riguarda l’hashish invece, la piazza di Palermo sarebbe servita addirittura come centro di smistamento della droga verso altre città. L’hashish proveniva da grandi fornitori in Marocco, che lo lasciano in alcuni magazzini nel Nord Italia fino a quando non fosse stato acquistato dai membri palermitani dell’associazione. Il quantitativo di hashish che entrava in città è stato stimato a oltre 1000 kg, di cui 700 sequestrati dalla Polizia.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.