Archibugi: “I bimbi non sono dei genitori, difendo il partito di Bibbiano”

Francesca Archibugi, regista e sceneggiatrice italiana, ha parlato di Bibbiano e dei presunti affidi illeciti di bambini scoperti dall'inchiesta "Angeli e Demoni".

Francesca Archibugi e Bibbiano
Francesca Archibugi e Bibbiano

Francesca Archibugi, regista e sceneggiatrice italiana, ha parlato di Bibbiano e dei presunti affidi illeciti di bambini scoperti dall’inchiesta “Angeli e Demoni”. La Archibugi è intervenuta a Radio Capital, nel corso della trasmissione Circo Massimo per presentare il suo nuovo film “Vivere”.

Archibugi: “Difendo il partito di Bibbiano”

Si parlava di famiglia e il presentatore del programma radiofonico, Massimo Giannini, l’ha descritta come “il luogo in cui si producono più spesso forme di violenza. Violenza anche fisica, non solo condizionamento morale o psicologico“. A questo punta la regista ha replicato: “La famiglia è tantissime cose. Quindi è difficile stabilire che cos’è, ma arriva fino ad aberrazioni di quel tipo“.

Poi Francesca Archibugi ha parlato del caso di Bibbiano: “Quando uno dice ah, strappare i bambini alle mammeMa a volte è stato un bene strappare i bambini alle famiglie. Perché le famiglie possono essere anche qualcosa di sinistro. Bisogna avere un atteggiamento aperto nei confronti della famiglia, sia nel suo bene che nel suo male“.

Io difendo il partito di Bibbiano. Io difendo come idea il fatto che lo Stato possa decidere su dei bambini – ha continuato –. Non bisogna indietreggiare di un passo su questo, perché sono state delle conquiste enormi“. E ancora: “E qualora ci fossero stati abusi, perseguirli senza pietà. Proprio perché è un principio importantissimo dello stato di diritto che il bambino non è dei genitori. Quindi ci tengo tantissimo a dire che sì, sono del partito di Bibbiano“.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.