Migranti: nuovo allarme, barcone con 56 persone a bordo si capovolge

Nuovo allarme della Ong Alarm Phone per un barcone con a bordo 56 migranti che si troverebbe in difficoltà nel Mediterraneo

Migranti, aumentati morti e dispersi
Migranti, aumentati morti e dispersi

Questa mattina, un nuovo tweet di Alarm Phone, aeva fatto scattare l’allarme per un barcone con a bordo 56 migranti, che si trovava in pericolo nel Mediterraneo. Dopo qualche ora è arrivata la notizia, diffusa da UNHCR, che il barcone si è capovolto. I soccorsi sarebbero già partiti e sono in arrivo sul posto.

L’allarme per i migranti in difficoltà

Siamo stati contatti da un barca in pericolo con circa 56 persone a bordo, partita dalla #Libia giorni fa. Abbiamo informato le autorità in #Libia, #Italia e #Malta ma nessuno ha lanciato un soccorso, denuncia Alarm Phone. Durante la notte, una nuova richiesta di aiuto: “Abbiamo perso contatto con la barca alle 22.22. Tutte le autorità sono state allertate di continuo ma non reagiscono, e per quanto ne sappiamo non hanno mandato alcun soccorso”.

“Durante la notte non siamo riusciti a parlare con le 56 persone in pericolo. La cosiddetta guardia costiera libica e le autorità Europee stanno ignorando le nostre richieste di salvataggio. Questa è omissione di soccorso, scrive ancora Alarm phone questa mattina.

I naufragi in Turchia e in Grecia

Nel frattempo, la Guardia Costiera Turca ha annunciato di aver salvato un gruppo di migranti al largo della costa turca, dopo il naufragio del loro barcone. Le autorità turche hanno fatto sapere che si tratta di 15 migranti, tra cui 2 bambini e un uomo che si sospetta sia il trafficante a bordo del barcone. La provenienza delle persone naufragate sarebbe siriana e palestinese. Inoltre, la Guardia Costiera ha confermato la morte di sette migranti, cinque bambini e due donne, al largo dell’isola di Chios.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.