Viterbo, abusi su bambina disabile: arrestato il fisioterapista

L'uomo è dipendente presso la sede distaccata di Santa Marinella dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù

Padre condannato per violenze sulla figlia
Padre condannato per violenze sulla figlia

La polizia di Viterbo ha arrestato un fisioterapista del luogo con l’accusa di molestie nei confronti di una bambina disabile. La piccola, di soli 8 anni, sarebbe una paziente dell’uomo. L’accusa precisa è quella di violenza sessuale aggravata continuata ai danni di una minorenne disabile.

Abusi su una bambina disabile: il caso

È stato il gip di Viterbo a emettere l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, che ha portato poi all’arresto del fisioterapista, operante nella provincia di Viterbo. L’uomo sarebbe un “dipendente presso la sede distaccata di Santa Marinella dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù”. Lo ha annunciato il procuratore di Viterbo, Paolo Auriemma, in una nota ripresa da Il Corriere della Sera. Il dipendente dell’ospedale è accusato di avere abusato “sino ai primi giorni di settembre, nell’ambito di attività privata svolta a domicilio“, “di una bambina di otto anni, residente nel viterbese e affetta da disabilità”.

Fisioterapista arrestato per abusi: la denuncia

La squadra mobile di Viterbo ha fatto partire le indagini dopo che i genitori della piccola di appena 8 anni hanno deciso di sporgere denuncia. L’uomo, riporta il quotidiano, sarebbe incensurato. La polizia come prima cosa lo ha sottoposto a una perquisizione personale e domiciliare. Perquisizione durante la quale sarebbe stato trovato “materiale informatico, ancora in fase di analisi per gli eventuali ulteriori risvolti di carattere penale”, ha spiegato infine Auriemma nella nota. Il fisioterapista è ora agli arresti ed è stato trasferito nel carcere Mammagialla, mentre procedono le indagini a suo carico.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.