Venezia, barca offshore si schianta sulla diga: 3 morti e 1 ferito

Tra le vittime anche il famoso pilota motonautico italiano Fabio Buzzi, che cercava di battere il record per la traversata Montecarlo-Venezia

Tre persone sono morte e una quarta è rimasta ferita in un incidente avvenuto nella laguna di Venezia. È successo nella notte di martedì, quando uno scafo offshore si è schiantato contro la diga di San Nicoletto, nella località Lunata.

Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco e alcuni mezzi della Capitaneria di Porto. Ma purtroppo per tre delle persone che erano a bordo non c’è stato niente da fare. I corpi di due delle vittime sono stati recuperati immediatamente, mentre il terzo uomo in un primo momento risultava disperso. I vigili del fuoco l’hanno individuato poco dopo. Secondo una prima ricostruzione fatta da ANSA, la barca offshore si stava muovendo nel buio totale. Sarebbe andata a sbattere violentemente sulla “lunata”, una diga artificiale fatta di grossi massi calati sul fondale per proteggere le opere del Mose, a sud della diga di San Nicolò del Lido.

Tragedia in barca a Venezia: volevano battere il record

A bordo c’era Fabio Buzzi, famoso pilota motonautico italiano. Giampaolo Montavoci, presidente della Commissione nazionale offshore ed endurance, ha raccontato ad ANSA che l’imbarcazione era partita da Montecarlo intorno alle 11 di lunedì mattina. Stava cercando di battere il record di traversata dalla città stato a Venezia. Un record che aveva dello straordinario: Fabio Buzzi e il suo equipaggio avevano percorso le 1.200 miglia che separano Montecarlo da Venezia in 18 ore e 32 minuti, a circa 100 chilometri orari.

Purtroppo la sfida è finita in tragedia proprio sul traguardo e l’offshore si è schiantata sul molo del Lido a una velocità stimata di 70-75 nodi (circa140 chilometri orari). Presenti sulla scena c’erano il team dei cronometristi e l’ufficiale di gara, a bordo di una seconda barca pilotata da Maurizio Darai. Il quale, a Il Corriere della Sera ha raccontato: “Li abbiamo visti arrivare e la traiettoria era leggermente verso terra, forse hanno confuso le luci dell’ingresso del porto e si sono trovati di fronte la lunata, prendendola in pieno e saltandola”.

Barca offshore si schianta a Venezia: chi sono le vittime

Fabio Buzzi, famoso pilota motonautico italiano, è una delle persone rimaste uccise nell’incidente avvenuto nel Lido di Venezia. Buzzi, che aveva fondato la FB Design, era anche progettista e detentore di numerosi record nell’offshore. Nei suoi 76 anni aveva raggiunto diversi traguardi, vincendo 10 Campionati Mondiali di Open Class e 7 trofei di Harmsworth. Ma era famoso anche per i suoi record nelle lunghe traversate, uno tra i tanti quello del 2012: da New York alle Bermuda in 17 ore e 6 minuti. Buzzi stava cercando di stabilire un nuovo record nella traversata Montecarlo-Venezia, quando è rimasto vittima del fatale incidente. A bordo insieme a lui c’erano un americano, che non è ancora stato identificato, e altri due suoi compagni di traversata: Luca Nicolini e Mario Invernizzi. Quest’ultimo è l’unico sopravvissuto all’impatto, secondo quanto afferma ANSA, ma sarebbe rimasto gravemente ferito ed è stato subito trasportato in ospedale.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.