Giornalisti diventati politici: quando il Quarto Potere ottiene la poltrona

Come riporta Giornalisti Italia, il giornale dei giornalisti, sono molte le penne di prim'ordine ad aver fatto il salto in politica, anche negli ultimi tempi.

Paragone divide il Movimento 5 Stelle
Paragone divide il Movimento 5 Stelle (foto repertorio)

Come riporta Giornalisti Italia, il giornale dei giornalisti, sono molti i giornalisti diventati politici. Dopo le ultime elezioni ce l’hanno fatta, tra gli altri, l’ex direttore del quotidiano Il Centro, Primo Di Nicola, candidato M5S a Pescara, e, sempre per i pentastellati, l’ex direttore di Sky Tg24 Emilio Carelli, a Fiumicino e Rosalba De Giorgi, storica conduttrice del telegiornale di Studio 100 Tv, eletta deputata nel collegio uninominale di Taranto.

Giornalisti diventati politici

Ma il nome più famoso tra i 5 stelle è quello di Gianluigi Paragone, diventato Senatore, tra i pochi, ora come ora, a non aver accettato l’accordo di Governo con il Partito democratico. Paragone era candidato al Senato a Varese, dove aveva perso per poi rientrare tramite il listino proporzionale. La stessa sorte era toccata alla deputata uscente Dalila Nesci, anche lei giornalista, battuta nel collegio uninominale di Vibo Valentia da Wanda Ferro (centrodestra), ma eletta nel plurinominale Calabria 2, nel quale ha avuto la meglio sul deputato uscente Bruno Censore (Pd).

Forza Italia invece ha piazzato due ex direttori: Andrea Cangini (Quotidiano Nazionale) eletto nelle Marche e Giorgio Mulè (Panorama) eletto in Liguria. In Parlamento, per la prima volta, c’è anche Federica Zanella (presidente del Corecom Lombardia ed ex conduttrice di Telelombardia). Aveva vinto il collegio di Milano 4 con Forza Italia.

Infine, anche il Pd può vantare dei giornalisti tra le sue fila. Tommaso Cerno è diventato Senatore. Non ce l’ha fatta, al contrario, la piddina Francesa Barra.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.