Vigilantes ucciso a Piscinola, il Ministro Bonafede avvia un’indagine per permesso speciale

Vigilantes ucciso a Piscinola nel 2018 e la decisione di donare un permesso speciale a uno dei tre killer per il compleanno: Bonafede avvia indagini.

Vigilantes ucciso a Piscinola, aperta indagine per permesso speciale
Vigilantes ucciso a Piscinola, aperta indagine per permesso speciale

Alfonso Bonafede, in qualità di Ministro della Giustizia, ha deciso di avviare una indagine per la vicenda sul permesso speciale concesso a uno dei killer del vigilantes ucciso a Piscinola il 3 marzo 2018. La decisione è giunta dopo la valutazione del caso, in virtù dei festeggiamenti per il compleanno di uno dei tre condannati per l’omicidio. Gli accertamenti si sono resi necessari «per valutare la correttezza della procedura ed eventuali condotte disciplinarmente rilevanti». Il pestaggio dello scorso anno costò la vita a Francesco Della Corte.

Vigilantes ucciso a Piscinola, le novità

Il permesso a uno dei tre autori dell’omicidio, deciso per permettergli di festeggiare il diciottesimo compleanno, ha ricevuto numerose critiche. Una di quelle più forti è partita dalla figlia della vittima. La moglie dell’uomo, Annamaria, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’Ansa. «Io, che ho perso mio marito – dice affranta all’Ansa – devo piangere. Loro, invece, che me lo hanno ucciso, stanno ridendo. Quelle foto – ha avuto modo di precisare Nicola Pomponio, il legale del giovane – non sono state postate dal mio assistito ma caricate da un parente a sua insaputa. Non c’era alcuna intenzione di offendere io dolore dei parenti della vittima, specie a pochi giorni dal processo d’appello».

I giovani sono stati condannati in primo grado a 16 anni e mezzo di reclusione con il rito abbreviato. La famiglia Della Corte, in tutte le componenti (madre, figlia e figlio) hanno fatto valere il proprio dissenso per la decisione: un misto di rabbia e di senso di ingiustizia.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.