Mike Bongiorno, dieci anni senza il re del quiz: le gag più famose

Dieci anni fa moriva Mike Bongiorno, il conduttore Tv che fece delle gaffe uno spettacolo tanto quanto gli stessi quiz che presentava

Dieci anni fa, l’8 settembre 2009, moriva Mike Bongiorno, il conduttore televisivo considerato il re del quiz. Ma anche della gaffe, come ricorderanno in molti. Una propensione, la sua, che aveva trasformato in una delle sue caratteristiche televisive vincenti, che lo avevano reso uno dei personaggi più amati della TV.

Mike Bongiorno, re del buonumore in tv

La gaffe in quei casi, diventava spettacolo, tanto quanto il quiz e il gioco che Bongiorno presentava. Alcune di queste gaffe sono anzi divenute leggenda. Come quella della puntata del 16 luglio 1970 di “Rischiatutto”, quando la campionessa in carica Giuliana Longari sbagliò a rispondere ad una domanda di ornitologia. Mike Bongiorno pare che commentò: “Ahi! Ahi! Ahi! Signora Longari, mi è caduta sull’uccello!”.

O ancora, sempre a “Rischiatutto”, venne proposta una domanda sul Papa Paolo VI, e Bongiorno si chiese stupito: “Ma chi sarà questo Paolovi, di cui non ho mai sentito parlare?”. Lo stesso accadde quando Mike Bongiorno lesse “Pio x” al posto di “Pio Decimo”. Un’altra delle gaffe più famose ebbe invece come sfondo Sanremo 1997, quando sbagliò più volte ad annunciare il titolo della canzone di Silvia Salemi. “A casa di Luca” diventò, nelle mani di Mike Bongiorno, “A casa di Lucia”.

Spesso, erano gli stessi autori a provocare le gaffe, su cui il conduttore era bravissimo a giocare. Doppi sensi, nomi propri storpiati o confusi, o ancora, domande sulla vita dei concorrenti che si rivelavano spesso fuori luogo, provocando l’imbarazzo degli stessi, ma l’ilarità del pubblico.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.