Mimmo Lucano: revocato il divieto di dimora per l’ex sindaco di Riace

Il Tribunale di Locri ha revocato il divieto di dimora per l'ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, che potrà così tornare nella sua città

Mimmo Lucano
Mimmo Lucano

Finisce l’esilio di Mimmo Lucano, l’ex Sindaco di Riace per cui vigeva il divieto di dimora dall’ottobre 2018. Lucano è coinvolto nell’inchiesta sui presunti illeciti nella gestione dell’accoglienza ai migranti a Riace. Ora però il Tribunale di Locri ha accolto l’istanza presentata dalla difesa di Lucano e ha revocato la misura restrittiva.

Le parole di Mimmo Lucano

Ora l’ex sindaco, che era relegato nella cittadina di Caulonia, potrà rientrare in paese e riabbracciare l’anziano padre, affetto da leucemia.Sono contento, finalmente. Mi sento come chi di nuovo rivede la luce e la libertà”, ha detto Lucano all’AdnKronos. E poi ha spiegato: “Non ho rancori, né cerco vendette ma voglio solo guardare avanti e pensare che ci sono tante persone che ogni giorno affrontano queste ingiustizie, molto più gravi di me, e sono obbligati a ricorrere a tutto quello che hanno dentro per trovare la motivazione”.

Poi, Lucano si è augurato che “con il neo ministro prevalgano l’umanità e il rispetto della Costituzione italiana”, riferendosi a Luciana Lamorgese, ora al Viminale al posto di Matteo Salvini. L’ex sindaco di Riace ha poi osservato: “Credo che, al di là della mia vicenda personale, quello che abbiamo vissuto in questo anno sia veramente triste”. “Basta ricordare quando, di volta in volta, le persone venivano segregate nelle navi giorno dopo giorno. Non c’è stata nessuna sensibilità. Ho pensato che ci fosse una deriva, che l’umanità si fosse smarrita, che prevalesse l’odio, l’ingiustizia, la cattiveria al di là di tutto”, ha spiegato. “Rimarrà questo ricordo, il mio auspicio è che non accada più”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.