Omicidio Diabolik, Boccacci sul video di Gaudenzi: “E’ impazzito, o manovrato”

Al video di Fabio Gaudenzi sull'omicidio di Diabolik, risponde Maurizio Boccacci, nominato proprio da Gaudenzi come membro dei Fascisti di Roma Nord

Maurizio Boccacci, (foto AdnKronos)
Maurizio Boccacci, (foto AdnKronos)

Dopo il video choc in cui Fabio Gaudenzi spiegava che avrebbe parlato del mandante dell’omicidio di Diabolik, parla ora Maurizio Boccacci. Si tratat di uno dei “fascisti di Roma Nord” citati da Gaudenzi, di cui pare facesse parte lo stesso capo ultras Fabrizio Piscitelli, ucciso a luglio al Parco degli Acquedotti di Roma.

L’opinione di Boccacci sul video di Fabio Gaudenzi

In un‘intervista all’AdnKronos, il fondatore del Movimento Politico Occidentale sostiene che “Gaudenzi è impazzito, oppure è stato manovrato“. “Gaudenzi non lo vedo da diversi anni. Lui fa il nome del gruppo dei fascisti di Roma nord, gruppo che non esiste nemmeno come sigla, e fa un miscuglio di persone che mi dà da pensare”, spiega Boccacci. “Per me è impazzito, non è in linea col cervello. O c’è una manovra politica dietro, perché il 17 ottobre c’è la Cassazione per Mafia Capitale, o con la morte di Fabrizio (Piscitelli ndr), altro mio carissimo amico, cercano di movimentare o creare un qualcosa come sempre è stato fatto da questo regime, dalle stragi ad altri casi di cronaca, omicidi e via dicendo…”.

Il collegamento con l’omicidio di Diabolik

“Mi fa pensare il fatto che lui, in concomitanza con l’omicidio Piscitelli, tiri fuori l’elite, i miei camerati che non si sono mai arresi, le persone rimaste sempre unite e non hanno ma tradito”, sostiene. “Di queste persone che lui chiama elite io sono l’unico insieme a Massimo Carminati e Riccardo Brugia ad essere vivo: gli altri sono tutti morti, due in carcere, io l’unico fuori, a parte qualche divieto di andare a Roma o qualche altra stupidaggine…”.

“Mi risulta un po’ strano che un magistrato che fa parte dell’antimafia dia retta a una persona sconclusionata”, aggiunge, ancora riferendosi alla richiesta di Gaudenzi di essere sentito da Gratteri. E poi racconta: “Mi era venuta l’idea di postare su YouTube un video in risposta al suo in cui mi mettevo con qualche pistola giocattolo o un mitra sulla poltrona dicendo ‘Io non sono di Roma Nord, io sono di tutta Roma’”.

“E’ una cosa folle, sarebbe da fare delle perizie a Gaudenzi, mettergli una camicia e fargli un Tso, perché uno che spara dentro casa, poi si mette sulla sedia con una pistola… Io sono Boccacci Maurizio e lo dichiaro però mi metto un passamontagna… non ha senso. Do la lista di nomi, mi dichiaro… Cosa mi copro a fare?”, sottolinea Boccacci.

Tuttavia, Boccacci non si pronuncia sull’ipotesi che Gaudenzi sia a conoscenza del mandante dell’omicidio di Fabrizio Piscitelli “non sono in grado di dirlo, neanche lo penso”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.