Migranti, unico superstite di un gommone racconta la sua storia

Mohammed Adam Oga, unico superstite dell'ennesima strage di migranti racconta quello che ha passato al Times of Malta.

Decreto sicurezza
Decreto sicurezza

Mohammed Adam Oga, unico superstite dell’ennesima strage di migranti racconta quello che ha passato al Times of Malta. “Eravamo in 15 su un gommone e solo io sono vivo. Dio ha mandato i maltesi a salvarmi”. Mohammed è un 38enne attivista politico del Fronte di liberazione Oromo, che lotta per l’indipendenza dall’Etiopia. I soccorsi maltesi l’hanno trovato in mare sopra i corpi dei più sfortunati compagni di viaggio. “Non avevamo cibo, né acqua e carburante. Siamo stati in mare 11 giorni. Abbiamo iniziato a bere l’acqua di mare. Dopo cinque giorni, sono morte due persone. Poi, ogni giorno altre due”.

Mohammed è partito il primo agosto insieme ad altri 14 compagni di viaggio – due ghanesi, due etiopi e tutti gli altri somali – è partito dal porto libico di Zawia, a bordo di un gommone. Rimasti senza cibo e carburante hanno chiesto aiuti alle navi ed agli elicotteri che si trovavano in zona, ma nessuno si è fermato.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.