Cassonetto lanciato in spiaggia, confessa 17enne: ragazzino in fin di vita

Un cassonetto è stato lanciato nella notte in spiaggia dalla strada di Bergeggi e ha colpito un ragazzino francese di appena 12 anni che dormiva in tenda.

Cassonetto lanciato in spiaggia
Cassonetto lanciato in spiaggia

Un cassonetto è stato lanciato nella notte in spiaggia dalla strada di Bergeggi e ha colpito un ragazzino francese di appena 12 anni che dormiva in tenda. Autore del gesto un 17enne che si trovava all’uscita della discoteca La Kava. Il ragazzo, dopo un primo momento in cui ha provato a negare, ha confessato. Adesso si trova presso il comando dei Carabinieri, dove ha spiegato di “non sapere che sotto c’erano delle persone”. Era poi convinto di riuscire a lanciare il cassonetto “direttamente in mare”.

Cassonetto lanciato in spiaggia

Secondo una prima ricostruzione, il colpevole è uscito verso le 3 dalla discoteca e si è fermato al chiosco dei panini, trovandolo chiuso. “A quel punto ha pensato di lanciare il cassonetto in spiaggia, convinto di lanciarlo direttamente in mare“. I carabinieri di Savana, in conferenza stampa, hanno ricostruito la vicenda anche grazie all’aiuto di un testimone: “Una testimonianza molto precisa nella descrizione. Ma che non conteneva elementi utili all’identificazione del responsabile. Abbiamo allora iniziato a sentire i tanti giovani presenti a Spotorno e ieri sera siamo riusciti ad acquisire un quadro indiziario più che solido. Con queste prove abbiamo convocato in caserma il minorenne, che risiede fuori regione, insieme ai genitori chiedendo la sua versione“.

Il cassonetto, che pesava circa 10 kg, è piombato sulla spiaggia colpendo un ragazzino francese che dormiva in tenda. Rimasta invece illesa la sorella della vittima, che per fortuna si era spostata poco prima per ragioni di comodità.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.