Festa della Lega a Pontida, le magliette con la scritta in russo, ma c’è un errore

Gli organizzatori hanno pensato di usare l'ironia e per questo hanno stampato le magliette per la Festa della Lega a Pontida con una scritta in russo

Maglietta per la Festa della Lega di Pontida (foto Facebook, Festa di Pontida)
Maglietta per la Festa della Lega di Pontida (foto Facebook, Festa di Pontida)

Dove sono finiti i rubli? Una risata vi seppellirà“, era la didascalia delle foto comparse sulla pagina Facebook della Festa delle Lega a Pontida. Sotto, venivano orgogliosamente mostrate alcune magliette “verde Lega”, con l’effigie di Alberto da Giussano e sotto una scritta in russo. Che nelle idee degli organizzatori doveva essere “Festa di Pontida”. Ma – ahimè- per tradurre la frase si sono affidati a google traduttore, che non è molto affidabile. E così, da “festa di Pontida” si è trasformata in “Partito di Pontida”.

Le magliette per la Festa della Lega di Pontida

L’idea ovviamente era di giocare sulla questione riguardante i fondi russi alla Lega: a questo si doveva la scritta in cirillico sulle magliette che sarebbero poi state vendute alla festa leghista in programma dall’8 al 18 agosto. Un’idea nata dai militanti leghisti della zona, che hanno voluto così dire la loro sulla questione dei presunti fondi in cui è implicato anche l’ex portavoce di Salvini Gianluca Savoini.

Per fortuna ne avevamo stampate poche, era una prova”, ha commentato a Il Corriere della Sera Christian Colleoni, referente del Carroccio per l’Isola e la Val San Martino. “Quando abbiamo fatto vedere la scritta ad alcune persone che conoscono il russo, ci hanno detto che c’era un errore. Ora le ristamperemo corrette”, spiega. Dal successo dei commenti sui social, si può dire però che ai militanti leghisti l’idea goliardica sia piaciuta.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.