La chat del coniuge non si può leggere, anche se pc accesso: la decisione della Cassazione

La Corte di Cassazione ha emesso una sentenza su una causa di separazione riguarda l'elemento della chat Skype utilizzata dal marito in sede processuale.

Chat Skype e la decisione della Cassazione
Chat Skype e la decisione della Cassazione

Una sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che un marito o una moglie non posso leggere e copiare quanto scritto in una chat su Skype dei rispettivi coniugi. È stato accolto il ricorso presentato dalla donna contro l’assoluzione pronunciata dai giudici. L’uomo era stato accusato di accesso abusivo al sistema informatico oltre che violazione di corrispondenza. Il materiale era terminato nel fascicolo per la separazione.

Chat su Skype, la decisione del giudice su quanto fatto dall’ex marito

A nulla sono valse le giustificazioni dell’uomo che ha dichiarato di aver scoperto le chat urtando casualmente sul pc portatile. L’ex marito ha dichiarato di aver visto comparire, sul monitor, le conversazioni mediante la messaggistica su Skype. La quinta sezione della Cassazione ha di fatto censurato, secondo quanto riportato dall’Agi, «la condotta di illecito mantenimento in un sistema informatico. Essa può perfezionarsi anche in presenza di una casuale iniziale introduzione».

E sulla password registrata sul pc, i giudici hanno dichiarato che questo «non esclude che il sistema informatico in questione fosse munito di misura di sicurezza. La condotta incriminata ha portato ad un risultato certamente in contrasto con la volontà della persona offesa». Non si esclude un nuovo processo con tanto di richiesta di risarcimento della ex moglie.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.