Cannabis light, controlli a tappeto: sequestri e denunce

Sono sedici le persone arrestate per la vendita di cannabis light. Scoperta, durante i controlli, una piantagione di canapa indiana.

Cannabis light, sedici denunce
Cannabis light, sedici denunce (foto repertorio)

La Procura della Repubblica di Parma ha dato vita a diverse perquisizioni nell’ambito della vendita della cannabis light. Controlli alle attività commerciali dove sono attualmente in vendita foglie, infiorescenze, resine o comunque sia altre tipologie di prodotti riconducibili alla cosiddetta marijuana legale.

Cannabis light, le accuse

Sono 16 le persone indagate con l’accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Una di queste è stata arrestata durante una perquisizione avvenuta in provincia di Siena. Gli investigatori, infatti, hanno scoperto una piantagione di canapa indiana. Sono sette le aziende interessate nell’inchiesta: fra loro vi è, secondo l’Ansa, anche la “Easy Joint”. Si tratta di un progetto «creato dal parmigiano Luca Marola con circa 90 marchi di cannabis light presenti sul mercato italiano e dal valore complessivo certificato di 9 milioni di euro».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.