Sindaco di Imperia Claudio Scajola indagato per peculato d’uso

Il Sindaco di Imperia Claudio Scajola è stato indagato per peculato d'uso nell'ambito di un'inchiesta sull'utilizzo dell'auto del comune per uso personale

Claudio Scajola (AdnKronos)
Claudio Scajola (AdnKronos)

L’ex Ministro dell’Interno Claudio Scajola, attuale sindaco di Imperia, è indagato dalla procura di Imperia per peculato d’uso. Insieme a lui è indagato anche l’autista del comune e l’ipotesi di reato è il presunto utilizzo dell’auto del comune per fini personali.

A dare la notizia è stato il quotidiano genovese Secolo XIX che spiega come sia stata aperta un‘inchiesta relativa all’utilizzo dell’auto blu del comune di Imperia da parte del sindaco Claudio Scajola. Sotto l’occhio della Guardia di Finanza sarebbero finiti in particolare modo i viaggi fatti da Scajola fino all’aeroporto Colombo di Genova, in concomitanza con le udienze del processo “Breakfast” che si svolge a Reggio Calabria. Proprio in questo processo, infatti, Scajola è imputato.

Le dichiarazioni di Claudio Scajola

Dal canto suo, il sindaco di Imperia ha dichiarato di aver fornito immediatamente la documentazione richiesta durante i controlli della Guardia di Finanza. Inotre, si è detto fiducioso riguardo all’infondatezza della segnalazione. “Ho sempre avuto grande e manifesto rispetto per la Magistratura. Per quanto mi riguarda, dimostrerò tutto con assoluta tranquillità”, ha spiegato Scajola.

E non ha risparmiato una lieve stoccata: “Data la mia esperienza di vita, in così tanti ambiti possibili, ho sincero rispetto per tutte le persone che lavorano. Anche per chi sta lavorando a questi accertamenti. Anche io sto lavorando. Tanto. Dando tutto me stesso, e sacrificando tutto il resto, per cercare di aiutare la nostra città. Fa male accorgersi che qualcuno ne dubiti, ancora”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.