Posto di blocco forzato, due morti nella provincia di Cagliari

Due episodi nei quali, dopo aver forzato un posto di blocco, un 42enne e un uomo di 47 anni sono morti: entrambi hanno perso il controllo.

Turista aggredito a Firenze
Turista aggredito a Firenze

Non si fermano all’alt e nella fuga concitata perdono la vita impattando violentemente con le rispettive autovetture. Due persone sono morte nella provincia di Cagliari. Entrambi hanno perso il controllo del veicolo e si sono schiantati.

Posto di blocco forzato, due morti in altrettanti episodi

Il primo episodio è accaduto a Quartu Sant’Elena dove Giorgio Perra, 42 anni, ha violato gli obblighi degli arresti domiciliari. Era alla guida in stato di ebbrezza a bordo di un’Alfa 166. Alla vista dei Carabinieri è corso a velocità sostenuta direzione Cagliari. L’inseguimento si è concluso nei pressi di piazza San Benedetto. L’uomo, a causa dell’eccessiva velocità, è andato a sbattere contro una base in cemento della rotatoria. La vettura si è capovolta terminando la corsa contro un muro. A nulla è servito l’intervento del personale sanitario che non ha potuto fare altro che constatare il decesso. In corso le indagini, con tanto di immagini del sistema di videosorveglianza, per comprendere la dinamica del tragico incidente.

Il secondo incidente, invece, è accaduto a Settimo San Pietro. Un 47enne, Felice Lianas, è fuggito a bordo di una moto Tmax 500. L’uomo era stato già arrestato per guida senza patente, resistenza a pubblico ufficiale, riciclaggio e furto d’auto. In sella vi era anche un 38enne che è stato trasportato nel nosocomio in codice rosso. Per Lianas, invece, non c’è stato niente da fare. Dopo la perdita del controllo del mezzo è andato a sbattere contro il muro di una abitazione. Sul posto il personale del 118, i Vigili del Fuoco e i Carabinieri.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.