Carcerato spacca il vetro del parlatorio e usa i frammenti per ferire due agenti

Episodio di violenza in carcere dove un carcerato ha rotto il vetro del parlatorio usandone i frammenti per colpire due agenti

Detenuto si impicca in carcere
Tenta di sgozzare la compagna, era in carcere per l'omicidio della fidanzata anni fa


Spacca il vetro divisorio del parlatorio del carcere, impugna i frammenti come coltelli e ferisce due agenti. Ancora un episodio di violenza in carcere, con un detenuto della casa circondariale di Arienzo, nel Casertano, che ieri ha dato in escandescenza durante la finestra temporale deputata ai colloqui con i familiari.

Violenza in carcere, feriti due agenti

L’uomo all’improvviso si è visibilmente alterato, tanto da cagionare la caduta e la rottura del vetro divisorio del parlatorio. Successivamente, dato che due agenti della Polizia Penitenziaria stavano intervenendo ad impedirgli di proseguire con la sua sfuriata, il detenuto ne ha feriti due usando i frammenti di vetro come armi bianche. Dei due agenti assaliti uno è stato ricoverato in ospedale con una prognosi di sette giorni per le ferite riportate. Al collega è andata meglio, con una veloce puntata all’infermeria del carcere.

La posizione del sindacato

Luigi Capaccio, Segretario Generale della FP-Cgil di Caserta, sull’episodio non le manda a dire: “I fatti avvenuti questa mattina portano drammaticamente alla luce le carenze infrastrutturali della Casa circondariale di Arienzo. Chiediamo con forza all’amministrazione penitenziaria di ristabilire tutte le misure di sicurezza richieste dalla legge per garantire la sicurezza e l’incolumità di agenti, visitatori, operatori e degli stessi detenuti. Vigileremo affinché tali episodi non avvengano più. Agli agenti feriti la solidarietà della FP-CGIL di Caserta”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.