Emanuela Orlandi: trovate migliaia di ossa

Per accertamenti sul caso di Emanuela Orlandi sono stati analizzati i reperti di due ossari del cimitero Teutonico. Si tratta di migliaia di ossa

Emanuela Orlandi
Emanuela Orlandi

Non c’è pace per la famiglia di Emanuela Orlandi, la 15enne sparita nel 1983. Sulla base di una segnalazione, la famiglia aveva chiesto l’apertura di due tombe del Cimitero Teutonico in Vaticano, e così era avvenuto l’11 luglio. Tuttavia, le tombe erano risultate vuote. Così erano stati richiesti nuovi accertamenti su due ossari presenti all’interno del Cimitero.

Gli accertamenti sul caso Orlandi al Cimitero Teutonico

Le operazioni dunque si sono svolte la mattina del 20 luglio, e all’interno degli ossari sono state rinvenute migliaia di ossa, lunghe piccole e frammentate”. A dare la notizia è stato il genetista della famiglia Orlandi, Giorgio Portera. Ora ì, fa sapere l’esperto, “servirà una diagnosi strumentale per capire se si tratta di ossa che risalgono a decine di anni o centinaia di anni fa. Sono molte tipologie, molte craniche, di adulti ma anche no”.

Portera ha poi ribadito che “Il caso è assolutamente aperto“. “Dobbiamo capire se all’interno del teutonico ci siano le ossa del teutonico o anche altre ossa. Ritengo necessario che all’accertamento scientifico segua un accertamento documentale su un registro dei movimenti che ci sono stati all’interno del cimitero altrimenti è’ difficile districarsi in un numero così elevato di reperti”, ha spiegato.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.