Stupro Circumvesuviana, la Cassazione boccia ricorso sulle scarcerazioni

Sul presunto stupro della Circumvesuviana emergono alcuni dettagli prima dell'inizio del processo. La ragazza è stata indicata come "non attendibile".

Stupro Circumvesuviana
Stupro Circumvesuviana (foto Napolike.it)

Il racconto della presunta vittima dello stupro in Circumvesiviana a Napoli “non è attendibile”. Lo ha stabilito in maniera definitiva la Cassazione, almeno per quanto riguarda l’applicabilità delle misure di cautela prima dell’eventuale processo. I giudici della Suprema infatti hanno certificato l’inammissibilità del ricorso della Procura di Napoli, che a suo tempo aveva impugnato le progressive scarcerazioni dei tre giovani arrestati perché sospettati di aver violentato una 24enne.

Stupro Circumvesuviana, la ricostruzione dell’accaduto

Il fatto di cronaca, risalente allo scorso 5 marzo nell’ascensore della stazione presso la Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano, aveva suscitato uno scalpore immenso e un’ondata di indignazione popolare, tuttavia nelle fasi successive ai fermi dei presunti violentatori erano emersi elementi che avevano spinto il Riesame a riconsiderare le posizioni del terzetto.

In buona sostanza, anche se non nel merito, aveva cominciato a prendere corpo l’ipotesi, caso per caso, che si fosse trattato di un rapporto consenziente o che, quanto meno, gli estremi per considerare quello storico come profilabile per violenza carnale non fossero così netti da giustificare provvedimenti restrittivi estremi.

I ricorsi

I giudici con la toga di ermellino, secondo Cronache della Campania, “hanno accolto la richiesta del Pg formulata ieri nel corso dell’udienza sul ricorso dei Pm napoletani contro la prima delle tre distinte decisioni del Tribunale del Riesame che ha rimesso in libertà i tre giovani, ritenendo non credibile il racconto della ragazza”.

“Il primo ricorso discusso è relativo alla posizione di A.S., 18 anni, difeso dagli avvocati Eduardo Izzo e Giuseppina Rendina, destinatario lo scorso 8 marzo di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere poi annullata dal Riesame il 21 marzo”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.