Mafia nigeriana, sgominato il “cult” Maphite: arresti a Bologna e Torino

Duro colpo alla mafia nigeriana inferto dalla Polizia di Stato di Bologna e di Torino, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo.

Mafia nigeriana
Mafia nigeriana

Duro colpo alla mafia nigeriana inferto dalla Polizia di Stato di Bologna e di Torino, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo. Due operazioni si sono svolte all’alba di giovedì 18 luglio in Emilia Romagna e in Piemonte. Gli arrestati apparterrebbero al cult Maphite, che, rispetto ad altri già emersi, è sempre rimasto nell’ombra. Non per questo, però, poteva definirsi meno pericoloso o meno diffuso nel nostro Paese.

Mafia nigeriana

Nel corso delle operazioni, oltre ai vari affiliati, sarebbero stati fermati anche alcuni tra i leader dell’organizzazione. Loro gestivano il traffico di prostituzione, lo spaccio di droga e decidevano chi iniziare tra i loro ranghi. Sono stati più di 300 gli agenti impegnati nelle operazioni.

L’indagine era stata avviata nel 2017, grazie alle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Nel corso dell’attività investigativa, sono stati ricostruiti i ruoli, le gerarchie e i riti di iniziazione dell’organizzazione, nonché i reati da essa commessi.

Il commento di Matteo Salvini

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha immediatamente commentato, tramite un post su Facebook. “Maxioperazione contro la mafia nigeriana, alla faccia di chi ne negava l’esistenza. Grazie a Forze dell’Ordine e inquirenti. Non abbiamo bisogno di questo tipo di immigrazione. Porti chiusi, galere aperte!”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.