Certosa di Trisulti, sul caso di Steve Bannon ci sono due fascicoli di indagine

Sono stati aperti due fascicoli di indagine sulla vicenda che riguarda la concessione della Certosa di Trisulti ad un gruppo di sovranisti

certosa di trisulti
certosa di Trisulti


Procura della Repubblica e Procura della Corte dei Conti stano indagando ufficialmente sulla vicenda della Certosa di Trisulti, data in concessione ad un gruppo di sovranisti facenti capo a Steve Bannon e poi svincolata da quel “contratto” perché ritenuto illegittimo, fraudolento e non valido.

Certosa di Trisulti, l’indagine ufficiale

Dopo l’ispezione ministeriale presso l’abbazia ciociara oggetto del tentativo di “colonizzazione foresta a trazione Usa“, le magistrature ordinaria penale e contabile hanno acquisito atti utili ad una verifica in fascicolo delle procedure per quell’operazione poco chiara. Lo afferma il Segretario Nazionale della Confsal Unsa Beni Culturali, Giuseppe Urbino: “Qualche settimana fa al servizio I° della Dg Musei (quello che ha confezionato il provvedimento a favore della fondazione Dignatatis Humanae, che avrebbe dovuto acquisire i diritti concessori) sono comparsi più volte uomini della Polizia di Stato che si sono fatti consegnare la documentazione relativa la concessione della Certosa di Trisulti. Ora le indiscrezioni che prima erano giornalistiche, trovano conferma che è in corso un’istruttoria della Procura di Repubblica di Roma e della Procura della Corte dei Conti che vogliono vederci chiaro sulla vicenda relativa all’Abbazia e al bando di concessione”. “

Una vicenda che ha dei lati oscuri su tutta la documentazione presentata dalla fondazione Dignatatis Humanae e avallata, nonostante fosse poco credibile dagli uffici della DG Musei che hanno redatto il provvedimento“.

Non ci rimane – conclude Urbino su Meridiananotizieche attendere l’esito delle indagini, nella speranza che qualcuno paghi veramente il danno erariale subito dallo Stato per i mancati introiti dei canoni di affitto e non solo, ma paghi per la leggerezza di come sono stati redatti gli atti della concessione e se vogliamo, mettiamoci anche il danno d’immagine internazionale che ne è derivato”. L’abbazia della Ciociaria “incappò” in una concessione dello Stato promossa da Dario Franceschini, all’epoca della stipula ministro della Cultura.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.