Bimba di 16 mesi gettata da un balcone a Napoli dal padre

Una bimba di appena 16 mesi è stata gettata dal padre dal balcone della casa della nonna. L'uomo ha poi tentato il suicidio.

Bimba gettata da un balcone a Napoli
Bimba gettata da un balcone a Napoli

Una bimba di appena 16 mesi è stata gettata dal padre dal balcone della casa della nonna. L’uomo ha poi tentato il suicidio gettandosi nel vuoto. Questa la tragedia andata in scena a San Gennaro Vesuviano, in provincia di Napoli, recentemente scossa dall’omicidio del piccolo bambino di Cardito. Il dramma si è consumato attorno a mezzogiorno di lunedì 15 luglio. Un uomo, residente al secondo piano di un palazzo di via Cozzolino, ha gettato la sua bimba fuori dal balcone, uccidendola sul colpo. Il padre, subito dopo, si è tuffato a sua volta nel tentativo di togliersi la vita. Ora è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cardarelli di Napoli. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri.

Bimba di 16 mesi gettata da un balcone a Napoli

Stando alle prime informazioni, nella serata di domenica 14 luglio, tra i genitori della bimba sarebbe scoppiata una violenta lite. Sembrerebbe, inoltre, che la coppia fosse in procinto di separarsi. I genitori della piccola vivevano a Caserta ed erano ospiti della suocere dell’uomo. Quest’ultima avrebbe visto il genero buttarsi di sotto con sua nipote ma non ha potuto fare nulla per intervenire. Ora la donna è sotto interrogatorio.

Il dramma sarebbe avvenuto mentre la mamma della piccola era intenta a caricare la lavatrice. Suo marito ha dunque preso la bimba ed è salito sulle scale del condominio e si è buttato dalla finestra del secondo piano. La piccola è morta sul colpo. Il padre è invece ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cardarelli.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.