Ragazzina disabile picchiata dai bulli a Roma: “Fai schifo, malata”

Una ragazzina disabile è stata picchiata e insultata da due compagni di classe. È accaduto in un istituto superiore in zona Cinecittà.

Ragazzina disabile picchiata e insultata dai compagni
Ragazzina disabile picchiata e insultata dai compagni

Una ragazzina disabile è stata picchiata e insultata da due compagni di classe. È accaduto in un istituto superiore in zona Cinecittà. “È arrivata l’handicappata” le urlavano quando arrivava a scuola. Gli altri compagni, invece di difenderla, urlavano e acclamavano i bulli. La situazione molto grave ha spinto i genitori della ragazzina a denunciare. Ora i due adolescenti dovranno rispondere dell’accusa di stalking.

Ragazzina disabile picchiata dai bulli a Roma

La ragazzina, come riporta il Messaggero, si è sempre recata a scuola nonostante tutto quello che subiva. Aveva e ha tutt’ora un sogno: diventare cuoca. Per questo ha sempre insistito per frequentare quell’istituto alberghiero anche se subiva parecchi insulti e parecchie angherie. I bulli l’accoglievano sempre con i soliti rozzi insulti: “Ecco la mongoloide”. E ancora: “Che ti guardi malata, fai schifo”.

La ragazza veniva presa in giro perfino quando era preda di attacchi epilettici: “Ecco la sceneggiata, chi vuole vedere lo spettacolo paghi il biglietto”. Oltre agli insulti, però, i bulli erano passati anche alle botte. Alla ragazza era stata tirata addirittura una sedia.

“Processi di sensibilizzazione nelle scuole”

La tragica vicenda è arrivata al penalista Eugenio Pini, avvocato del Centro Nazionale contro il bullismo Bulli Stop. “Il fenomeno del bullismo deve essere contrastato non solo nelle aule di giustizia, ma anche con dei processi di sensibilizzazione nelle scuole“.

Alla fine, in questo caso, la giovane vittima, dopo umiliazioni costanti, ha deciso di ritirarsi. Ha interrotto gli studi e ha lasciato la scuola

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.