Eruzione Stromboli, la situazione e il racconto di un abitante

L'eruzione dello Stromboli ha causato spavento per turisti e persone del posto. Al momento è stato predisposto anche un piano di evacuazione.

Eruzione Stromboli
Eruzione Stromboli (foto Twitter)

La notte è passata abbastanza tranquilla in seguito all’eruzione del vulcano Stromboli che è costata la vita a un giovane escursionista proveniente da Milazzo. L’isola è attualmente avvolta da detriti e cenere. Se ne registra una maggiore presenza nella frazione di Ginostra. Sono state rilevate piccole scosse nell’arco della notte. I parametri sono rientrati nella norma ma l’attenzione è sempre d’obbligo.

Eruzione a Stromboli, la situazione

Sul luogo occhio vigile dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile oltre che dei canadair. In mare, intanto, è stata allestita una nave per eventuali evacuazioni. Un abitante di Ginostra ha rilasciato alcune dichiarazioni all’AdnKronos «Dall’alba siamo tutti impegnati a spalare detriti che raggiungono anche i sei-otto centimetri di altezza. Durante la notte che è stata relativamente tranquilla abbiamo avvertito piccole scosse ma niente di più. Per ora preferisco che stiano al sicuro a Milazzo – dichiara -. Se ci fosse un allarme sarebbe difficile scappare con due bimbi piccoli».

Recuperato il corpo dell’unica vittima

Il corpo di Massimo Imbesi, 35enne morto ieri nell’esplosione dello Stromboli, è stato recuperato e portato a Milazzo. Ora bisognerà valutare se procedere con un’autopsia e se sarà sufficiente l’same esterno del medico legale.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.