Uccide il padre e confessa: “Mi diceva sempre di trovarmi un lavoro”

Uccide il padre e confessa. Marco Campanella, che tra poco copierà 37 anni, ha confessato di aver ucciso il padre Michele.

Femminicidio a Milano, fermato il marito
Femminicidio a Milano, fermato il marito (foto di repertorio)

Uccide il padre e confessa. Marco Campanella, che tra poco copierà 37 anni, ha confessato di aver ucciso il padre Michele, 71 anni, ex maresciallo della guardia d Finanza. Un omicidio brutale. Sono stante almeno 10 le coltellate che il figlio ha sferrato al padre. La tragedia è andate in scena nel loro appartamento di via Sante Giovannelli a Legnano.

Uccide il padre e confessa

Marco è un ragazzo schivo, senza molti amici, come riporta il Corriere della Sera. Coltivava un’unica passione, quella della musica. “Sempre educato – raccontano i vicini -. Lo vedevo uscire con il papà che ogni giorno lo accompagnava a Milano. Aveva sempre la sua chitarra. Certo, era un po’ strano…“.

Il movente

Marco, nonostante la sua età, non era in pratica mai cresciuto. Diplomato al Conservatorio e da poco laureato in lingue, voleva iscriversi anche a una nuova facoltà: quella di scienze politiche. Il padre, tuttavia, sapendo che ormai era in un’età dove non conviene particolarmente studiare, lo stava spingendo a cercare un lavoro. Questo causava discussioni continue, ma che non erano mai generate in una lite vera e propria, come hanno testimoniato i vicini.

Marco, nel corso del suo interrogatorio davanti al pm di Busto Arsizio, ha dichiarato che voleva continuare a studiare mentre il padre non voleva. Poi il giovane ha confessato. Nel corso di una nuova discussione avrebbe impugnato il coltello e ammazzato suo padre. “Erano almeno due anni che i rapporti tra me e mio padre erano deteriorati — ha detto —. Lui mi diceva in continuazione di trovarmi un lavoro, mentre io volevo studiare“. Il 36enne è stato arrestato per omicidio volontario aggravato.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.