Gelato alla alla stracciatella ritirato da Lidl: “Non idoneo al consumo”

Il gelato alla stracciatella di nocciole del marchio Italiamo è stato ritirato dai negozi Lidl, la famosa catena di supermercati europea.

Gelato alla stracciatella ritirato dal mercato
Gelato alla stracciatella ritirato dal mercato

Il gelato alla stracciatella di nocciole del marchio Italiamo è stato ritirato dai negozi Lidl, la famosa catena di supermercati europea. Il motivo: la possibilità che contenesse traccia di allergenici. Il provvedimento è stato pubblicato anche sul sito del Ministero della Salute. In seguito a uno dei soliti controlli sul prodotto per monitorare gli allergeni, sono state riscontrate nel gelato mandorle non dichiarate sull’etichetta.

Gelato alla alla stracciatella ritirato da Lidl

Non è la prima volta negli ultimi mesi che qualche prodotto venisse ritirato dal mercato o la cui produzione venisse sospesa per un breve periodo. Ora, però, a sparire dai negozi della catena Lidl è nientemeno che un gelato. Si può dunque solo immaginare il dramma di molti affezionati consumatori, che dovranno privarsi del loro gelato alla stracciatella durante questi giorni di caldo afoso.

“Il prodotto – si legge nella nota di richiamo – non è idoneo per il consumo da parte degli allergici alla frutta a guscio. Si invitano i consumatori allergici alla frutta a guscio a non consumare il prodotto e a riportarlo al punto vendita per il rimborso”. In pratica, per chi non è allergico alla frutta a guscio il gelato e sicuro.

Il gelato alla stracciatella ritirato dal mercato è quello venduto in confezioni da 80 grammi con la data di scadenza fissata al 16 maggio 2021 (EAN 20848583). È stato realizzato proprio per la Lidl nello stabilimento dell’azienda Tonitto 1939 SpA in via Nostra Signora di Lourdes 5 a Genova. 


Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.