Doina Matei torna libera dopo aver scontato 12 anni di carcere

E' tornata libera Doina Mateo, scarcerata grazie alla buona condotta che le ha fatto guadagnare 4 anni sul 16 a cui era stata condannata

Doina Matei torna libera
Doina Matei torna libera

Doina Matei torna libera, dopo aver scontato 12 dei 16 anni di carcere a cui era stata condannata per l’omicidio di Vanessa Russo. La Cassazione aveva condannato la donna a 16 anni di carcere nel 2010 per aver colpito Vanessa Russo ad un occhio con la punta dell’ombrello, il 26 aprile 2007.

L’omicidio di Vanessa Russo

Quel 26 aprile 2007, Vanessa Russo, 23 anni, stava scendendo dalla metropolitana alla stazione Termini di Roma. Viene aggredita da due sconosciute che litigano, e Doina la colpisce in un occhio con un ombrello. La studentessa universitaria cade, e muore, mentre le due fuggono. Saranno rintracciate pochi giorni dopo, e per Doina Matei inzierà il carcere.

La vita in carcere di Doina Matei

Oggi la scarcerazione, che avviene, come riporta Il Corriere della Sera, “per buona condotta“. Dal momento del suo ingresso in carcere, la donna ha ottenuto uno sconto di 45 giorni ogni sei mesi.

Nel 2015, la romena ora 33enne aveva ottenuto al semilibertà, che però comportava una serie di obblighi da rispettare. E se fossero stati violati, sarebbe dovuta tornare in carcere, dove aveva l’obbligo di rimanere dalle 22 alle 6 del mattino. Secondo quanto riferito dal suo avvocato, Carlo Testa Piccolomini, la donna ha cominciato il suo reinserimento nella società già nel 2016, dopo che le era stata revocata la semilibertà per un passo falso, e poi concessa nuovamente. “La fase riabilitativa”, spiega l’avvocato Testa Piccolomini al Corriere, “l’ha sfruttata con dedizione. Ora Doina vuole solo essere dimenticata”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.