“Niente appartamento per i gay” e li caccia di casa restituendo la caparra

Rescinde un accordo di affitto perché "scopre" che i suoi inquilini sono gay e restituisce loro la caparra cacciandoli via da un appartamento.

Non affitto a gay
Non affitto a gay

Rescinde un accordo di affitto perché “scopre” che i suoi inquilini sono gay e restituisce loro la caparra cacciandoli via da un appartamento già fatto oggetto di una transazione. L’assurda vicenda è accaduta a Pavia ed è stata ripresa non senza clamore dal Fatto Quotidiano. Secondo la ricostruzione dei due protagonisti, non appena il padrone di casa aveva avuto contezza del fatto che i due, Stefano e Fabio, erano gay, si è recato con i familiari e con il mediatore immobiliare sul posto di lavoro di uno di essi, urlandogli in faccia: “Siete gay, non vi affitto casa mia!”. Detto questo il padrone di casa ha praticamente spinto di nuovo nelle mani della coppia la caparra, 1.200 euro, pattuita e già versata, lasciandoli in una situazione imbarazzante e oggettivamente difficoltosa, visto che esisteva già una disdetta con il precedente appartamento occupato dai due.

“Niente appartamento per i gay”

“Sembrava fossimo noi in torto per aver nascosto qualcosa di illegale – hanno dichiarato di due in una intervista al FQ – come succedeva con gli ebrei. Non deve passare il concetto che nei nostri confronti si può agire come si vuole, anche con violenza, senza pagarne le conseguenze, come se tutto fosse lecito. Noi camminiamo a testa alta per Pavia, dove viviamo felici delle nostre scelte e non abbiamo mai avuto problemi. Ma sappiamo che c’è chi non è fortunato come noi, magari non ha nemmeno l’appoggio della famiglia ed è portato a nascondersi. È anche per loro che andiamo avanti e vogliamo ristabilire un principio di giustizia”.

La coppia sarebbe stata oggetto di una vera, graduale quanto implacabile indagine telefonica, sul vissuto privato, sul patrimoniale e sulle famiglie, con cui i nuovi locatori avevano via via incasellato i tasselli utili a giungere alla ferma decisione che, no, due gay in casa proprio no. “Siete fortunati a riavere la caparra – sarebbe stato detto a Fabio e Stefano nei momenti concitati e finali dell’assurda vicenda – avrei potuto anche non restituirla“. I due hanno deciso di adire le vie legali.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.