Abusi sessuali su una bambina di 10 anni: arrestato un 65enne

Lei lo chiamava "nonno", ma quando erano da soli, il 65enne la baciava e la palpeggiava. Per questo un 65enne è finito agli arresti domiciliari

Violenza sessuale su una bambina di 10 anni
Violenza sessuale su una bambina di 10 anni

I carabinieri hanno arrestato un 65enne con l’accusa di abusi sessuali su una bambina di 10 anni, in provincia di La Spezia. Le indagini hanno potuto far emergere come il fatto fosse già emerso nei mesi scorsi.

Il “nonno” abusava della bambina

L’uomo era vicino di casa e amico della famiglia della piccola, che a lui veniva affidata mentre i genitori erano al lavoro. Tuttavia, come racconta Fanpage, una sera i genitori si sono accorti che gli indumenti intimi della bambina di 10 anni erano sporchi di sangue, e ne sono rimasti allarmati. Così la bambina ha raccontato cosa succedeva quando rimaneva da sola con il “nonno”, come era abituata a chiamare il 65enne. I genitori hanno quindi scoperto che l’uomo palpeggiava e baciava la piccola a lui affidata, mentre loro erano al lavoro.

Le indagini per abusi sessuali sulla bambina di 10 anni

A sostenere il racconto della bambina si sono aggiunte tracce di DNA del “nonno”, ritrovate sulla biancheria sporca di sangue della bambina e sui suoi leggings. Le forze dell’ordine hanno quindi passato al vaglio anche i cellulari dell’uomo. Hanno così scoperto che all’interno vi erano immagini di rapporti sessuali, in cui erano implicati anche minorenni. L’uomo usava gli stessi dispositivi anche per adescare altre giovani vittime.

Grazie a tutte queste prove, per l’uomo è scattato un provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari. L’uomo, che al momento dell’arresto si trovava in Campania, è stato così ricondotto a La Spezia e lì lasciato agli arresti domiciliari.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.