Badar, giura come carabiniere il musulmano che sognava di entrare nell’Arma

Ha giurato ieri come carabiniere Badar Eddine Mennani , il 23enne musulmano di origine marocchina che ha sempre sognato di entrare nell'Arma dei carabinieri

Badar Eddine Mennani, carabiniere musulmano
Badar Eddine Mennani, carabiniere musulmano (foto Facebook)

Badar Eddine Mennani ha 23 anni, ora è un carabiniere, musulmano di origine marocchina. Ha sempre voluto entrare nell’Arma, e ieri ha finalmente giurato fedeltà alla Repubblica Italiana nella cerimonia che si è svolta alla caserma Cernaia di Torino. Insieme a lui, altri 369 allievi che condividono i suoi stessi valori e ideali.

Badar, carabiniere musulmano che corona il suo sogno

Badar è nato a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, ma è residente a Chiuduno (BG). La sua famiglia è di origine marocchina, ma proprio nell’Arma dei carabinieri ha trovato un’altra famiglia che lo ha accolto con rispetto e comprensione per le sue tradizioni. Come racconta il Corriere nelle pagine bergamasche, è stata la madre a sistemargli gli alamari sulla divisa, durante la cerimonia. Sono ciò che “rappresentano ufficialmente la sua appartenenza all’Arma”, ha spiegato Badar alla madre, che ha soggiunto: “Per noi è stato un onore”.

La passione di Badar

La passione di Badar per i carabinieri nasce da lontano, quando ancora viveva in Campania, e seguiva le varie associazioni nazionali dell’Arma. Poi il trasferimento al Nord e la decisione: tentare il concorso. Badar lo ha passato, ed è entrato all’Accademia Cernaia di Torino. Dove ha trovato “i valori che sono propri di ogni famiglia”, con i compagni e i superiori che si sono resi disponibili per “andare incontro anche alla sua fede”, spiega ancora il Corriere. Gli amici, tutti concordi, raccontano che ha sempre desiderato mettersi al servizio degli altri.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.