Pornografia in Italia: siti frequentati sempre più da giovanissimi

Civiltà Cattolica ha lanciato l'allarme sull'attuale situazione della pornografia in Italia. Padre Giovanni Cucci denuncia: "L'incremento della diffusione di siti pornografici è impressionante".

Pornografia in Italia
Pornografia in Italia

Civiltà Cattolica ha lanciato l’allarme sull’attuale situazione della pornografia in Italia. Nell’ultimo numero della rivista, padre Giovanni Cucci denuncia: “L’incremento della diffusione di siti pornografici è impressionante. Nell’anno 2018 un solo sito pornografico ha registrato quasi 34 miliardi di visitatori, con un aumento di 14 milioni rispetto al 2017. Sembra che il numero di questi siti si aggiri attorno ai 150 milioni, di cui almeno 5 milioni specializzati in pedopornografia“.

Pornografia in Italia

Padre Cucci poi mette in guardia anche su un altro aspetto: “Attualmente, la maggior parte degli utenti che frequentano siti pornografici su internet sono adolescenti. Secondo i dati di Internet Filter Review, negli Usa l’età media dei bambini che entrano a contatto con la pornografia online è di 11 anni. Coloro che maggiormente accedono al cybersesso hanno tra i 12 e i 17 anni”. Questo tra l’altro vale sia per maschi e femmine.

Anche la situazione del nostro Paese: “In Italia il 61% dei visitatori rientra nella fascia di età tra i 18 e i 34 anni, ma secondo i dati di Covenanteyes, l’80% di essi entra in contatto con la pornografia prima della maggiore età. Anche nel nostro Paese un ragazzo comincia a visionare pornografia in media all’età di 11 anni, quando si vede regalare dal genitore l’iPhone. Una ricerca condotta a Bologna ha mostrato che il 95,5% dei ragazzi fra i 12 e i 15 anni frequenta siti pornografici, costituendo essi concretamente la loro modalità ordinaria di apprendimento della sessualità“.

Nuovi siti

Non è finita: “Ogni giorno compaiono in media 300 nuovi siti, ma sembra che il porno occupi il 30% del traffico internet, e ogni minuto registri 63.000 visitatori, con un guadagno di almeno 5.000 dollari al secondo. Nel solo anno 2006 il mercato della pornografia online ha fruttato un guadagno di 13,3 miliardi di dollari negli Usa (e di 100 miliardi nel resto del mondo). In Italia nel 2009 il porno ha fatturato circa 1,12 miliardi di euro all’anno, e la pedopornografia ha consentito un guadagno di 3 milioni di dollari annui”.

Pornodipendenza e violenza sessuale

Infine la rivisita ha analizzato il legame che potrebbe intercorrere tra pornodipendenza e violenza sessuale. “I sempre più numerosi casi di cronaca nera mostrano quanto il legame pornografia-violenza possa con facilità degenerare in esiti tragici. Considerato lo stretto rapporto tra pornografia e violenza sessuale, appare ancora più triste e opportunista la decisione a livello europeo, nel marzo 2013, di non bandirla dal web in tutte le sue forme, comprese quelle della pubblicità e del turismo sessuale (a meno che non abbia i connotati della pedopornografia)”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.